Un tricipite è per sempre

Da alcuni mesi ho ricominciato a frequentare una palestra.

L’obiettivo era quello di risvegliarsi dal torpore invernale ispirato da un freddo talmente intenso da congelare le sinapsi e indurre uno stato di pigrizia cronica che mi conduceva automaticamente dal mio posto di lavoro al divano di casa evitando qualsiasi altra attività. Chiaramente il mio fisico ne risentiva parecchio, dal momento che la pancia aveva raggiunto e superato i livelli di guardia e i miei muscoli avevano il tono e lo spessore di una sottiletta del discount.

Mi sono quindi ritrovato tra pesi, cyclette e tappeti e i più disparati corsi che assicurano benessere fisico ma che hanno nomi degni di un film di guerra come “power combact” o “hot iron”.

Quello che più mi piace della palestra non è, ovviamente, spingere chili di metallo in attesa di una ipertrofia muscolare o sudare cercando di seguire il ritmo di una tipa che può fare mezz’ora di addominali senza che le si sposti un capello. Della palestra mi piace osservare la gente. Ci sono quelli come me che ci vanno ma non ci pensano due volte a saltare un allenamento per un happy hour al messicano. Ci sono quelli che ci mettono tutta la loro volontà, firmano un contratto da 18 mesi, si agitano sugli attrezzi e pedalano come gli ossessi ma sanno benissimo che non riusciranno mai a disfarsi di quei 50 chili di grasso accumulato dal collo alle caviglie (soprattutto se dopo ogni allenamento li vedi uscire dal Mc Donald con un mega burger, patatine e coca cola da un litro). Ci sono le ragazze magre e bellissime che si muovono tra gli attrezzi camminando leggiadre come sospinte da pattini invisibili: ogni loro movimento sembra dire “non ho bisogno di andare in palestra ma è bellissimo farsi guardare”. Ed è bello guardarle!

Ma la categoria che più mi affascina è senza dubbio quella del palestrato. Il palestrato ha affogato il suo scheletro sotto uno spesso strato di turgidi muscoli fatti di sudore, creatina e pasticche dalla dubbia composizione. La sua schiena è così larga che le braccia non potranno mai più aderire ai fianchi, il che comporta una camminata simile a quella di un pinguino imbarazzato. Il palestrato si ama, adora il silenzioso gonfiarsi di un bicipite sotto sforzo, la bombata rotondità di un pettorale che gonfia una maglietta, la scacchiera del suo addome. Un palestrato non guarda nemmeno la ragazza magra di cui sopra poiché, quando ci si allena, nell’eterna lotta tra acido lattico e testosterone è sempre quest’ultimo a soccombere. Questione di priorità.

E se pensate che almeno lo spogliatoio rimanga un ultimo baluardo di mascolinità, rimarreste sorpresi dal fatto che depilazione e trattamenti estetici siano gli argomenti di conversazione in cima alla top ten in uno scintillio di creme, flaconi e profumi. Il tutto foraggiato, incentivato, incoraggiato da svariati metri quadrati di specchi davanti ai quali il palestrato rimane ad ammirarsi a lungo.

Non mi resta allora che sudare sugli attrezzi, isolato dalla musica a palla del mio ipod e sorridere alle belle ragazze sperando in una minima reazione. Invano.

Loro guardano i palestrati. Invano.


 
 
This entry was posted in Persone e Societá. Bookmark the permalink.

3 Responses to Un tricipite è per sempre

  1. rocri83 says:

    Il palestrato è un grandissimo esempio di edonismo. Secondo me puntano all'orgasmo visuale davanti allo specchio.Lo voglio fare pure io l'happy hour dal messicano…

  2. Flavia says:

    Io pure io pure! L'happy hour messicano!!! Però è così triste che certi uomini abbiano perso il loro essere uomini. Pure al mare li vedi lucidi e depilati, ed io noto la mia ricrescita in controluce, disperata perchè l'estetista è sempre occupata. Una volta ci andavo pure io in palestra, ma facevo le cose di donna…perchè aspettavo troppo tempo agli attrezzi, a causa del palestrato di turno. Fabiè, io ti consiglio una corsetta comunque, magari prima d'andare al messicano, che c'arrivi e te magni pure il bancone. Senza sensi di colpa!Hasta la vista!

  3. Fabio says:

    OK! ci vediamo stasera al Sausalito's!!!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s